Home Relazioni Adoratore della donna il segreto dellincontro

Nell’ adorare Dio c’ è il respiro della fede

Adoratore della donna il 30240

Gesù e la donna Samaritana Gesù presso un pozzo di Samaria incontra una donna Gv 4, ; Penso che la prima impressione che si ha leggendo questo episodio raccontato dall'evangelista Giovanni, prima ancora di capire le cose nel dettaglio, sia una grande ammirazione per la disponibilità, la pazienza, la bontà e la sapienza che Gesù manifesta nel dialogo con la donna Samaritana. E nonostante il suo peccato, nonostante la sua miseria e la diffidenza verso quell'uomo straniero, la donna non si trova a disagio nel discorrere con Gesù, anzi, verrà a poco a poco a beneficiare di un dono misterioso, un'acqua viva la cui dolcezza è talmente inebriante da conquistare per sempre il suo cuore. Gesù dunque, stanco del viaggio, sedeva presso il pozzo Gesù con i suoi discepoli stava viaggiando dalla Giudea verso la Galilea passando per la Samaria. Gesù era venuto sulla terra assumendo una natura umana, e questo comportava l'accettazione di tutti i suoi inconvenienti, tra questi vi era quello di stancarsi quando si camminava a lungo o si lavorava molto.

Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa austro. Giunge una donna samaritana ad estrarre acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi.

Altissimo è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità Gv 4, È ceto il Nuovo Testamento a elevare la parola adorazione a questa dignità affinché prima non aveva. Quasi che si corra, in caso contrario, un allarme mortale. È qui la sua dignità e forza unica. È come un lampo di luce nella notte. Bensм di una luce speciale: non innumerevole la luce della verità, quanto la luce della realtà. È la comprensione della grandezza, maestà, bellezza, e all'unanimitа della bontà di Dio e della sua presenza che toglie il fiato.

Adoratore della 31625

Gesù sa quando deve fermarsi, per attenderci. Giudei e Samaritani non si amavano; anzi i Samaritani furono emarginati dai Giudei, considerandoli impuri e infedeli. La Samaria era un territorio misto, di culture e di culti, ufficialmente aperto dai Giudei, che si ritenevano superiori e giusti. Quella donna cercava consolazione in acque che non dissetavano, cercava di rispondere alla sete che aveva nel cuore con acque avvelenate. La promessa di Gesù è promessa del Suo Spirito; se non ci dissetiamo alle sorgenti dello Spirito rischieremo di essere assetati in eterno! Gesù riordina le idee della donna, senza pena o accusa ma facendola sentire conosciuta. Prima riordina le idee affettive e culturali con un forte simbolismo sponsale: ora è Gesù il settimo e definitivo uomo che sancisce un accordo con lei, un patto definitivo, immortale.